Il Museo

Il Museo è collocato in un suggestivo palazzo storico del 1600, completamente restaurato, posto tra Bologna e Pistoia, immerso nel verde. Questa struttura, oltre ad una ricca collezione permanente, offre una serie di eventi culturali e mostre che saranno organizzate all’interno del Museo, ma anche in altre sedi.
Ogni visita sarà una vera sorpresa, anche perché è personalizzata. Infatti Morena ed Ernesto Vi accompagneranno all’interno di questa foresta di simboli, tutta da scoprire… e per questo motivo ricordate che occorre la prenotazione.
VI ASPETTIAMO!

The Museum is set in an enchanting historical building of 1600, completely restored, situated between Bologna and Pistoia, among the woods.
This building, apart from being a rich permanent collection, offers a series of cultural events and exhibitions which will be organized not only inside the Museum, but also in the other centres.
Each visit will be a real surprise, also because it is personalized. In fact, Morena and Ernesto will accompany you inside this forest of symbols, all to discover….and for this reason please remember that reservation is needed.
Looking forward to seeing you!!!!!

lunedì 1 giugno 2015

Luciano Bernasconi







Luciano Bernasconi, (alias: Lube, Saint Germain), nasce a Roma. Dopo un soggiorno in Brasile, dove disegna per delle testate pubblicitarie, torna in Italia e dal 1959 al 1964 prepara le tavole a matita per Carlo Cedroni, disegnatore dell’agenzia romana Barbato-Mancini, che si occupa della produzione a fumetti per l’editrice Lug di Lione. Nello stesso priodo ha anche saltuarie collaborazioni, sempre per le matite con Alberto Giolitti, Ruggero Giovannini, Gino Guida, Nevio Zeccara. Nel 1966 inizia la collaborazione eseguendo sia matite che chine, per la testata Attak, per le Edizioni Europer di Roma.
Nel 1967 lega il suo nome alla serie Pappagone, ideata e sceneggiata da Luigi de Filippo e la serie successiva Ciccio e Franco. Per la stessa casa editrice, la Gallo Rosso di Roma, disegna alcuni fascicoli della Donna Invisibile, più varie illustrazioni. Nel 1968 disegna tre albi dell’Intrepido per l’Editrice Universo. Nel 1969 inizia la collaborazione, tramite l’Agenzia Martini-Maffi di Milano, con le Editions Lug, realizzando le serie Wampus e Bob Lance, alcuni episodi dei quali sono stati editi anche in Italia. Nel 1970 ha inizio il rapporto diretto con l’Editrice Francese, che durerà fino alla chiusura della stessa. Per la Francia,oltre a Wampus e Bob Lance, realizza vari personaggi, L’Autre, Kabur, Waki, Le gladiateur de bronze, Bob Flay, L’ami Barry, Jeff Sullivan, Billy Boyd, Phenix, Kit Kappa, Starlok e alcuni episodi della serie Baby Bang oltre a due episodi del Grande Blek, più alcune storie singole.
Nel 1978 inizia anche a lavorare per la testata Il Giornalino della Società San Paolo,per cui esegue storie brevi che spaziano dal costume alla fantascienza. Nello stesso anno collabora anche con L’Edifumetto,sempre di Milano, per la quale realizza storie di genere:erotico, collaborazione che dura sino alla chiusura della casa editrice creata da Renzo Barbieri. Nel 1983 è invitato a partecipare al “fumetto dell’estate”, Welcome to Rome, su sceneggiatura di Dal Prà, da un’idea dell’assessore al turismo Nicolini. Fa parte dei 40 disegnatori che si alternano alla realizzazione della storia, pubblicata a puntate sul quotidiano Il Messaggero. Nel 1989 collabora con la Blue Press di Roma, sempre nel genere erotico. Nel 1990 si alterna tra la Edifumetto, l’Intrepido e alcune matite per Gordon Linch e Tex, con inchiostri di Della Monica.
Tra il 1993 e il 1995 esegue varie storie, tra cui un’avventura di Sherlock Holmes (inedito) per la rivista Crimen. Per l’Editrice Fenix di Roma, illustra la versione a fumetti del romanzo erotico Gamiani. Nell’estate del 1995 riprende la collaborazione con l’Intrepido, disegnando due storie western di Dal Prà e alcuni episodi della serie I Custodi. Negli anni successivi dipinge e alterna disegni per privati, specializzandosi in illustrazioni erotiche (vedi sito:http://www.arteerotica.com), alternando poi alcune copertine di Tex per l’Editrice Semic di Parigi. Bernasconi ha eseguito una versione di Tarocchi del ‘500, in versione normale ed erotica, e i segni dello Zodiaco. Bernasconi è citato nell'enciclopedia del fumetto di Graziano Origa del 1977 e su foto di famiglia di Gianni Bono sul numero 172 di Tex. Alcune citazioni sono apparse anche su Diva, della Glittering Images e pubblicazioni francesi tra cui Le Collectionneur de Bandes Dessinè. In occasione del Festival di Angouleme del 2001 è uscito un suo “portfolio” sulla rivista Inedit e sul primo numero di Fantask.

Luciano Bernasconi, (alias Lube,Saint Germain) was born in Rome. After a period in Brasil.where he drew for some advertising headlines,he came back to Italy. From 1959 to 1964 he prepared some pencil plates for Carlo Cedroni,who drew for Barbato-Mancini in Rome,an agency dealing with comic-strips production for Lug publishing in Lyon. During the same period he cooperated with Alberto Giolitti. Ruggero Giovannini, Gino Guida, Nevio Zeccara, producing pencil drawings.In 1966 he worked on pencil and ink plates for "Attak", Europer publishing in Rome. In 1967 his name was linked to the series "Pappagone", conceived and dramatized by Luigi de Filippo and the following series "Ciccio e Franco".For the same publisher (Gallo Rosso, in Rome) he drew some issues of "La Donna Invisibile" (the invisible woman) and other pictures. In 1968 he drew three issues of "l'Intrepido" (Universo publishing). In 1969 , thanks to Martini-Maffi agency in Milan, he started cooperating whit Lug publishing, thus creating two series: "Wampus"and "Bob Lance", of wich some episodes were published in Italy. In 1970 he started working directly for the french publisher Lug.This cooperation went on until the shut down of the firm. After Wampus e Bob Lance, Bernasconi created many other characters for the french market: L'Autre, Kabur, Waki, le Gladiateur de Bronze, Bob Flay, l'Ami Barry, Jeff Sullivan, Billy Boyd,Phenix, Kit Kappa, Starlok and some episodes of the serie Baby Bang, two episodes of the serie the Great Blek and some single stories..
In 1978 he started working for the "Giornalino" owned by San Paolo. For them he created some short stories that go from customs to science-fiction. In the same year he cooperated with "Edifumetto" (in Milan) for them he created some erotic stories. This cooperation went on until the publishing company, created by Renzo Barbieri, shut down. In 1983 he was invited to take part in "Fumetto dell'estate" Welcome to Rome (script by Dal Prà) and born an idea of the Councillor for tourism Nicolini.He was one of the 40 draftsmen that look turn to draw the story, then published daily on the newspaper "Il Messaggero". In 1989 he cooperated with Blue Press in Rome,for the erotic genre. In 1990 he worked at the same time for "Edifumetto", l'Intrepido, he produced some pencil plates for Gordon Lynch and Tex with inks by Della Monica.
From 1993 to 1995 he created several stories, among which an episode of Sherlok Holmes (unplished)for the magazine Crimen. He drew the comic-strip version of the erotic novel "Gamiani" for the publisher Fenix in Rome. In 1995 he started cooperating with "l'Intrepido" again, drawing two western stories by Dal Prà and some episodes of the series"I Custodi" (the Keepers). In the following period, he painted and drew for private people. He specialized in erotic drawings (see website:http://www.arteerotica.com), but he also drew some covers for Semic publishing in Paris. Bernasconi also drew a version of the Tarots of‘500, (standard and erotic edition) and the Zodiac. Bernasconi is quoted in the "Enciclopedia del Fumetto" (comic strips enciclopaedia by Graziano Origa,1977) and in "Foto di famiglia" by Gianni Bono (family portrait) in Tex n°172. Some quotations appeared in Diva by Glittering Images and in some French publications eg."Le collectionneur des bandes dessinèes (the comic strip collector). His portfolio was issued in Inedit during the Angouleme festival in 2001 and in the magazine Fantask.